BMW SERIE Z PANORAMICA MODELLI.

Alla fine degli anni '80, BMW si rifocalizzò sulla tradizione delle roadster che derivava da modelli come la leggendaria BMW 507: veicoli a due posti scoperti, tutti all'insegna del piacere di guida. Quindi "Z" potrebbe rappresentare la parola tedesca per futuro, "Zukunft". Ed è vero che tutti i modelli della serie Z sono caratterizzati da specifiche del veicolo eccezionalmente innovative e visionarie.

Scopri di più
BMW Z4 M40i Roadster (G29) Vista laterale a tre quarti

BREVE STORIA DELLA BMW SERIE Z.

Scopri lo sviluppo, la storia e l'evoluzione della straordinaria BMW Serie Z Roadster all'avanguardia. Scopri come nascono i classici come la BMW Z1 e la BMW Z8, nonché i veicoli BMW Z3 e la BMW Z4.

Show more

BREVE STORIA DELLA BMW SERIE Z.

BMW Z1.

BMW Z1 (E30/Z) vista 7/8

(E30/Z)

Seguendo le orme di leggendarie auto come la BMW 328 e la BMW 507, BMW lancia alla fine degli anni '80 una due posti che diventerà a sua volta un classico: la BMW Z1. Progettata come concept car da BMW Technik GmbH, la prova è un tale successo che il veicolo è sviluppato per la strada.


Sotto la guida dell'allora capo progettista Harm Lagaay, la BMW Z1 è una roadster dal design innovativo. La griglia del radiatore estremamente piatta e il cofano cadente suggeriscono l'estrema dinamica in curva e il comportamento di guida preciso di questo veicolo.


Tecnicamente, l'auto è basata sulla serie BMW 3 (E30), ma è qui che finisce la somiglianza con un veicolo di produzione. Ciò è dovuto, tra le altre cose, allo straordinario design e al fatto che tutte le 8.000 unità della roadster rigorosamente limitate sono prodotte a mano. La BMW Z1 è l'unico veicolo i cui prototipi sono stati sia sviluppati che costruiti da BMW Technik GmbH. L'auto presenta anche diverse innovazioni tecniche. Le più sorprendenti sono le porte che si abbassano nelle minigonne laterali, ispirando un puro senso di guida che solo una BMW Z1 può trasmettere.


Questo design della porta è possibile solo grazie alla stabilità unica e alla rigidità torsionale della monoscocca in acciaio, zincata come un pezzo unico. Il telaio non solo beneficia di una speciale protezione contro la corrosione, ma è anche rinforzato del 25 percento. Il corpo è costituito da parti in fibra di vetro e plastica.
Grazie al suo collegamento diretto con la strada, la BMW Z1 offre un'esperienza di guida simile a quella di un go kart. È alimentato da un motore a 6 cilindri da 2,5 litri con 125 kW (170 CV), tratto dall'allora BMW 325i. La roadster leggera è quasi perfettamente bilanciata, soprattutto perché il motore è posizionato dietro l'asse anteriore. BMW aggiunge con successo un altro classico alla collezione roadster.


Periodo di produzione: 1989–1991
Motore: 2,5 litri (125 kW, 170 CV), 6 cilindri
Lunghezza/larghezza/altezza: 3.921 mm/1.690 mm/1.277 mm

BMW Z3.

BMW Z3 Roadster (E36/7) vista laterale

(E36/7)

Ispirata dal travolgente successo della BMW Z1, la casa automobilistica con sede a Monaco di Baviera lancia la BMW Z3, ​​una roadster destinata a una gamma più ampia di clienti. La combinazione di costruzione leggera, design open-top a due posti e la tipica maneggevolezza dinamica di BMW si dimostra imbattibile e sopravvive fino ad oggi nel suo successore, la BMW Z4.


A parte alcune migliaia di unità della BMW Z1 in edizione limitata, da decenni non esiste una piccola due posti scoperta con tutti i tratti distintivi della BMW dell'azienda. Poi, nel 1995, la BMW Z3 irrompe sui palcoscenici e nelle strade del mondo; piccola ma ben motorizzata con sterzata precisa e tenuta di strada. Questo concetto di successo vende circa 297.000 unità in sette anni.


Dotata inizialmente di un motore a 4 cilindri da 1,8 litri o 1,9 litri, dal 1996 la BMW Z3 è disponibile anche con un motore a 6 cilindri, che eroga 142 kW (193 CV) con una cilindrata di 2,8 litri. L'anno successivo dà il benvenuto alla BMW M Roadster con un motore a 6 cilindri da 3,2 litri, come utilizzato nella BMW M3 (E36), che eroga una potenza di 236 kW (321 CV).


Nel 1998, BMW intraprende una nuova strada e presenta la BMW Z3 come Shooting Brake, una forma simile a una coupé. La forma stravagante conferisce al veicolo un aspetto straordinario. È disponibile solo con un motore a 6 cilindri.


L'aggiornamento del modello del 1999 vede l'aggiunta di anelli cromati ai fari della roadster e una coda ridisegnata e più dinamica, leggermente rialzata nella parte posteriore dei parafanghi. I fanali posteriori a forma di L lo fanno sembrare più ampio.


I nuovi motori forniscono ancora più spinta, come un motore a 4 cilindri da 2,2 litri con 125 kW (170 CV). Il motore a 6 cilindri da 2,8 litri è sostituito da un motore da 3,0 litri da 170 kW (231 CV). E dal 2001, la BMW M Roadster monta il motore dell'allora recente BMW M3 (E46): produce 239 kW (325 CV) e trasforma la due posti leggera in un veicolo con dinamica e accelerazione senza pari.


Periodo di produzione: 1995-2002
Motori: 1,8-3,2 litri (85-239 kW, 115-325 CV), 4 e 6 cilindri
Lunghezza/larghezza/altezza: 4.025–4.050 mm/1.692–1.740 mm/1.266–1.306 mm

BMW Z4.

Il diretto successore della BMW Z3 è la BMW Z4. La roadster ora è cresciuta notevolmente ed è migliorata anche in termini di comfort, senza compromettere dinamica e piacere di guida.

Scopri di più

LA PRIMA GENERAZIONE DELLA BMW Z4.

BMW Z4 Roadster (E85) 7/8 vista laterale

(E85, E86)

Il successore della BMW Z3, ​​creato sotto gli auspici del capo designer Chris Bangle, continua il concetto di sbalzi corti, passo relativamente lungo, cofano lungo, coda corta. Il risultato è un veicolo sportivo, un roadster espressivo-dinamico con un unico obiettivo: creare Piacere di guida con un contatto diretto con la strada e una connessione con l'ambiente di guida, senza rinunciare al comfort e alle funzionalità all'avanguardia. Ecco perché c'è una scelta di materiali di alta qualità per gli interni. La capote ha un lunotto in vetro riscaldato, che la rende resistente e adatta all'uso quotidiano.


Inizialmente, la BMW Z4 è disponibile solo con un motore a 6 cilindri in linea. Produce 125 kW (170 CV) con una cilindrata di 2,2 litri, 141 kW (192 CV) con 2,5 litri e 170 kW (231 CV) con una cilindrata di 3,0 litri. Un telaio con sospensioni anteriori MacPherson combinate con un assale posteriore multi-link offre prestazioni di guida che catapultano la roadster ai vertici della sua categoria in termini di dinamica e agilità. Dal 2005 è disponibile un nuovo modello entry-level con motore a 4 cilindri che eroga 110 kW (150 CV) con una cilindrata di 2 litri.


Nell'aggiornamento del modello 2006, l'auto è dotata di paraurti rielaborati che, insieme ai nuovi fanali posteriori a LED, creano un aspetto ancora più dinamico. L'innovazione molto più drammatica, tuttavia, è nella potenza della vettura sportiva: il nuovo motore a 6 cilindri, l'N52, offre maggiore efficienza e prestazioni. Anche il motore più piccolo, ad esempio, genera 130 kW (177 CV) con una cilindrata di 2,5 litri. Inoltre, è ora disponibile la variante M. Il motore proviene dalla BMW M3 (E46), che genera una potenza di 252 kW (343 CV) con una cilindrata di 3,2 litri. Questa centrale elettrica guida anche la coupé appena introdotta. A differenza della BMW Z3, ​​il veicolo è una berlina ed è disponibile anche con un motore da 3,0 litri e 195 kW (265 CV).


Periodo di produzione: 2002–2008
Motori: 2,0–3,2 litri (110–252 kW, 150–343 CV), 4 e 6 cilindri
Lunghezza/larghezza/altezza: 4.091–4.113 mm/1.781 mm/1.268–1.302 mm

LA SECONDA GENERAZIONE DELLA BMW Z4.

BMW Z4 Roadster (E89) vista laterale

(E89)

Linee curve, cofano lungo, coda larga: anche la prossima generazione della BMW Z4 sa ispirare. Non da ultimo perché questo veicolo è attivamente coinvolto negli sport motoristici e una versione da corsa dell'auto è disponibile per i clienti.


L'evoluzione della BMW Z4 (E89) scarta la capote con un hard top opzionale e dona invece alla roadster un tetto in alluminio retrattile. Quando è chiuso, non c'è quasi nessuna differenza con un veicolo con un tetto normale. Questa opzione sostituisce la coupé.


I primi veicoli di questa generazione sono spinti da motori a 6 cilindri, che vanno dal sDrive23i con una cilindrata di 2,5 litri e 150 kW (204 CV), al top di gamma sDrive35i con un motore da 3,0 litri che eroga 225 kW (306 CV). Disponibile dal 2010, anche sDrive35is utilizza questo motore. Dopo una rielaborazione, eroga 250 kW (340 CV) ed è il motore più potente disponibile fino alla fine della produzione nel 2016. Due motori turbo a 4 cilindri sono disponibili come aggiornamento del modello nel 2011. Sostituiscono il più piccolo 6 cilindri motori. Il 2013 vede un motore entry-level leggermente meno potente: un motore a 4 cilindri da 2,0 litri con 115 kW (156 CV).


Le dotazioni di sicurezza fornite superano di gran lunga le norme dell'epoca. Ad esempio, il veicolo è dotato di un sistema di assistenza alla frenata e di un display ottico. Il lampeggio delle luci dei freni e le luci di emergenza attivate automaticamente mostrano agli altri utenti della strada che la BMW Z4 sta frenando bruscamente.


Tali caratteristiche sono standard oggi, ma sono state rivoluzionarie nel 2009. La BMW Z4 dispone anche di Driving Dynamic Control che consente di regolare le caratteristiche di guida del veicolo. Questi includono l'accelerazione, la reattività del servosterzo e i cambi di marcia per i modelli con cambio automatico.


Sono state prodotte circa 115.000 unità della seconda generazione della BMW Z4.


Periodo di produzione: 2009–2016
Motori: 2,0–3,0 litri (115–250 kW, 156–340 CV), 4 e 6 cilindri
Lunghezza/larghezza/altezza: 4.239 mm/1.790 mm/1.291 mm

LA TERZA GENERAZIONE DELLA BMW Z4.

BMW Z4 Roadster (G29) vista anteriore in movimento

(G29)

La BMW Z4 (G29), la terza generazione della roadster, porta all'estremo il concetto di Z: un design non adattato, radicalmente progressivo, con pacchetto sportivo M di serie e tecnologia all'avanguardia. 

Al buio si notano subito i fari anteriori a LED, mentre il posteriore è illuminato da OLED, diodi organici a emissione di luce. In tutte le condizioni di luce, la BMW Z4 colpisce per la sua presenza sportiva.  Dal frontale, passando per il cofano allungato e il profilo laterale fino al posteriore corto e largo, le linee dinamiche rivelano a prima vista la dinamica di guida del veicolo. Le prese d'aria inserite sui lati dietro i passaruota anteriori assicurano inoltre una ridotta turbolenza dell'aria nei passaruota. La capote in stoffa della Roadster si apre e si chiude in dieci secondi, a una velocità massima di 50 km/h. 

Grazie al su assetto ribassato, all'ottima distribuzione dei pesi e al telaio rigido, la BMW Z4 si sente davvero a suo agio sulle tortuose strade di campagna. L'elevata stabilità in curva assicura un comportamento estremamente preciso dello sterzo e un grande piacere di guida. I motori Twin Scroll Turbo a quattro o sei cilindri erogano la potenza adeguata al veicolo, dall'unità da 2,0 litri con 145 kW (197 CV) al propulsore M, che sviluppa 250 kW (340 CV) da 3,0 litri di cilindrata nella BMW Z4 M40i Roadster. 
Negli interni, i materiali pregiati di BMW Individual possono essere combinati in un'ampia gamma di colori per creare un carattere inconfondibile. Come optional è disponibile anche l'Head-Up Display. È disponibile anche il BMW Intelligent Personal Assistant, che può eseguire numerose funzioni della BMW Z4 tramite input vocale. 


Periodo di produzione: 2018-oggi
Motori: 2,0–3,0 litri (145–250 kW, 197–340 CV), 4 e 6 cilindri
Lunghezza/larghezza/altezza: 4.324 mm/1.864 mm/1.303-1.304 mm

BMW Z8.

BMW Z8 Roadster (E52) vista tre quarti

(E52)

Sebbene tutti i modelli Z seguano la tradizione di roadster leggendari come la BMW 507, quando si tratta di caratteristiche di design, la BMW Z8 è più un diretto successore delle auto di lusso degli anni '50. L'esclusiva due posti ha parafanghi curvati in modo simile con un cofano molto lungo e una coda corta. Lo stesso vale per le prestazioni eccezionali di questa vettura elegante ed espressiva.


Nel 1997, la concept car BMW Z07 viene esposta al Motor Show di Tokyo e presenta già gli elementi essenziali della BMW Z8. La BMW Z8 è stata creata sotto il designer Henrik Fisker e arriva per la prima volta negli showroom nel 2000. Con i suoi parafanghi curvi e il rene largo e piatto, l'auto riprende gli elementi stilistici della BMW 507, ma li porta nel nuovo millennio.


La BMW Z8 vanta un design tecnico avanzato che presenta un telaio autoportante in alluminio (un cosiddetto spaceframe), al quale sono fissate le parti della carrozzeria. Ciò riduce significativamente il peso del veicolo e migliora notevolmente la dinamica di guida. Il fulcro è il motore a 8 cilindri da 5,0 litri della BMW M5 (E39S) che eroga 294 kW (400 CV) e fornisce un'accelerazione costante al veicolo di fascia alta. Al momento è il motore più potente di BMW.


La BMW Z8 viene fornita di serie con tutti gli equipaggiamenti. Questo include un telefono vivavoce, sistema di navigazione, aria condizionata, interni completamente in pelle e un hard top in fibra di vetro con lunotto termico. E c'è un pulsante di avvio sul cruscotto: un dettaglio completamente straordinario 20 anni fa. Dal 2000 al 2003 sono state prodotte esattamente 5.703 unità della lussuosa, bella e potente roadster. Ognuno a mano.


Periodo di produzione: 2000–2003
Motore: 5,0 litri (294 kW, 400 CV), 8 cilindri
Lunghezza/larghezza/altezza: 4.400 mm/1.830 mm/1.310 mm

Auto usate BMW davanti una Concessionaria BMW.

USATO BMW.

BMW Z4 Roadster (G29) vista tre quarti frontale

BMW Z4 ROADSTER.

BMW Z4 M40i Roadster (G29) vista tre quarti frontale

BMW Z4 M.

Consumi ed emissioni C02.

BMW Z4 Roadster:
Consumo di carburante in l/100 km (combinato): 7,4–6,9
Emissioni di CO2 in g/km (combinate): 167–159

BMW Z4 M40i Roadster:
Consumo di carburante in l/100 km (combinato): 8,1–7,9
Emissioni di CO2 in g/km (combinate): 184-179

I dati ufficiali per il consumo di carburante, le emissioni di CO2, il consumo di elettricità e l'autonomia elettrica sono stati determinati secondo la procedura di misurazione prescritta e sono conformi al Regolamento (UE) 715/2007 e successive modifiche. I dati WLTP tengono conto di eventuali dotazioni opzionali nel caso delle gamme. Per i veicoli di nuova omologazione dal 01.01.2021, le specifiche ufficiali esistono solo secondo WLTP. Ulteriori informazioni sui metodi di misurazione NEDC e WLTP sono disponibili su www.bmw.de/wltp

Scopri di più

Consumi ed emissioni C02.

  • BMW Z4 Roadster:
    Consumo di carburante in l/100 km (combinato): 7,3–6,8
    Emissioni di CO2 in g/km (combinate): 166–155

    BMW Z4 M40i Roadster:
    Consumo di carburante in l/100 km (combinato): 8,0–7,8
    Emissioni di CO2 in g/km (combinate): 182-177

    I dati ufficiali per il consumo di carburante, le emissioni di CO2, il consumo di elettricità e l'autonomia elettrica sono stati determinati secondo la procedura di misurazione prescritta e sono conformi al Regolamento (UE) 715/2007 e successive modifiche. I dati WLTP tengono conto di eventuali dotazioni opzionali nel caso delle gamme. Per i veicoli di nuova omologazione dal 01.01.2021, le specifiche ufficiali esistono solo secondo WLTP. Ulteriori informazioni sui metodi di misurazione NEDC e WLTP sono disponibili su www.bmw.de/wltp